Sconfitta a testa alta per la Termoforgia

Terza giornata di campionato, la seconda in casa per la Termoforgia Moviter Castelbellino, che affronta una delle squadre candidate ai piani altissimi del girone. Assenza illustri per entrambe: da una parte Moira Cerioni, dall’altra Elena Butnaru.

TERMOFORGIA MOVITER CASTELBELLINO – VALDARNINSIEME CASTELFRANCO: 1-3 (20-25, 20-25, 25-18, 23-25)
Castelbellino: Carbonaro, Casareale 8, Della Giovampaola 7, Vescovi 1, Verdacchi, Ciccolini 12, Ciancio (L), Romagnoli 1, Pagliaroli 9, Crescini 1, Cerioni n.e., Bassotti n.e.
All. Fusco
MVP: Verdacchi

Valdarninsieme: Manetti 21, Michelini 2, Migliorini 1, Morandini, Casimirri 7, Cherici, Gosi (L), Callossi 11, Monchi 2, Bechelli 12, Mantelli 10
All. Bianchi
MVP: Manetti

Partenza equilibrata nel primo set, ma le padrone di casa sono troppo fallose, soprattutto al servizio e spianano la strada alle avversarie per conquistare agevolmente il parziale.

Castelbellino prova una reazione in avvio di secondo set, trova qualche buona giocata e riduce gli errori. Dall’altra parte della rete, però, un sistema difensivo impressionante mina le certezze d’attacco della Termoforgia e alla lunga prende il sopravvento vincendo anche il secondo round.

Di tutt’altro tenore la terza frazione di gioco, che mostra una Termoforgia più attenta e cinica nell’approfittare di errori avversari che, per la prima volta, cominciano ad affiorare con maggiore frequenza. Sempre in vantaggio, le ragazze di Fusco vincono con autorità un set che riapre di fatto la partita.

Il quarto set è l’emblema dell’equilibrio, con continui ribaltamenti di fronte e lunghe azioni di gioco. Il livello tecnico è alto e il tasso di errori scende, nessuna delle 2 squadre ci sta a perdere il game, e la differenza la faranno solo i dettagli. Meriterebbero entrambe di vincere il parziale, ma alla fine Valdarninsieme riesce a fare 3 punti consecutivi che annichiliscono le avversarie e chiudono i conti di una partita viva e tutt’altro che noiosa.

Castelbellino resta a bocca asciutta. Rimane con un solo punto in classifica e deve attendere ancora per festeggiare la prima vittoria in questa stagione, ma ha comunque mostrato carattere e l’attitudine a crederci fino in fondo senza arrendersi tanto facilmente, nonostante il livello indiscutibile di un’avversaria più forte e che ha meritato la vittoria finale.

Tanti i cambi effettuati da Fusco durante il match: Carbonaro e Romagnoli si sono alternate spesso, Casareale è partita come opposto titolare e, per un breve periodo, sostituita con Crescini. Vescovi al centro inizia la partita ma poi le viene preferita una buona Pagliaroli che resterà in campo fino a fine gara. Buona prova per il libero Ciancio in difesa e delle attaccanti di banda Ciccolini e Verdacchi.

Prossimo impegno la prima lunga trasferta dell’anno: si va in Toscana nella tana del temibile San Michele Firenze.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *