La prima vittoria in casa

Termoforgia Moviter Castelbellino – Rinascita Volley Firenze: 3-1 (25-23, 25-16, 23-25, 25-15)
Castelbellino: Carbonaro 4, Casareale 2, Verdacchi 22, Ciccolini 16, Della Giovampaola 6, Vescovi 12, Ciancio (L), Crescini 9. N.e. Bassotti, Cerioni, Pagliaroli, Romagnoli. All. Fusco
MVP: Crescini

Rinascita Volley Firenze: Viti 9, Romanelli, Marocchini 8, Romanelli (L), Dos Reis 11, Caroti 6, Ceccatelli 1, Prosperi 9, Mezzedimi 2, Mariotti 4, Coppini, Focardi. All.Vannini
MVP: Dos Reis

E vittoria fu! Alla terza partita in casa, la Termoforgia Moviter Castelbellino riesce a regalare al proprio pubblico un importantissimo successo fra le mura amiche del Pala Martarelli. La sfida era di quelle delicate, contro una delle squadre toscane che rappresenta meglio il concetto di “mina vagante” del girone, la Rinascita Firenze. Capace di rimonte impressionanti, estenuanti tie break vincenti e sconfitte a sorpresa, non era facile per le padrone di casa trovare il bandolo della matassa.

Coach Fusco schiera in campo Carbonaro in regia, Casareale opposta, al centro Della Giovampaola e Vescovi, Verdacchi e Ciccolini in banda, Ciancio libero. Dall’altra parte della rete c’è Vannini come coach che mette sul rettangolo di gioco le sue migliori pedine a disposizione. L’avvio è in favore delle ospiti, che punto dopo punto, approfittano delle difficoltà in ricezione della Termoforgia, e aumenta via via un vantaggio che si fa presto apparentemente incolmabile. Quando meno te lo aspetti, la situazione cambia. La squadra di casa trova sicurezza in ricezione, affina le scelte in attacco, trova una buona Crescini al posto di Casareale e piano piano accorcia sempre più le distanze fino a prendere la testa del parziale e vincere di misura.

Nel secondo set è subito Castelbellino a fare la voce grossa, mirando bene in battuta e scardinando quindi il gioco dei centrali avversari. Fra un bombardamento di Verdacchi e l’altro, la squadra di Fusco diventa ormai irraggiungibile per una Rinascita ormai allo sbando e vince a mani basse anche il secondo parziale.

Si teme il calo delle padrone di casa e il risorgere dell’orgoglio delle toscane, ma l’avvio è sempre appannaggio di una Termoforgia sicura dei proprio mezzi, complice una Carbonaro in serata super. Questo dura però solo fino a due terzi del set, quando i meccanismi sembrano scricchiolare e qualche errore di troppo aiuta le avversarie ad avvicinarsi. All’improvviso si materializza l’incubo della rimonta con sorpasso delle ragazze di Vannini, che puntualmente arriva e riapre la partita portando la situazione sul 2-1.

Memori delle precedenti partite delle fiorentine, sul palazzetto cala il gelo per la paura che si verifiche quanto già successo ad altre malcapitate avversarie della Rinascita. Ed invece le Termoforgia c’è e ci crede, lottando su ogni pallone e difendendo a livelli mai visti fino ad ora, grazie anche ad una onnipresente Ciancio ed una agguerrita Della Giovampaola. Le cose si mettono male per le ospiti, che questa volta non riescono nell’impresa del ribaltone, e soccombono sotto i colpi di una ottima Vescovi ed una Ciccolini in gran forma.

La Termoforgia Moviter vince dunque questo importantissimo match e porta in cascina 3 punti pesanti in chiave salvezza, restando ancorata al decimo posto in classifica.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *