Game over: la stagione 2019/20 è finita


Alla fine la Federazione Italiana Pallavolo ha messo il sigillo definitivo sulla stagione 2019/2020. La comunicazione è arrivata l’8 aprile e si è fatta attendere più del previsto forse, ma è giusto così ed era inevitabile, lo sappiamo tutti. La vita e la salute prima di tutto, sempre.

      “La Federazione Italiana Pallavolo, dopo un’attenta e approfondita riflessione sulla perdurante situazione emergenziale legata alla pandemia di COVID-19 (coronavirus), che sta interessando il territorio italiano e gli stati di tutto il mondo, ha decretato la conclusione definitiva di tutti i campionati pallavolistici di ogni serie e categoria.       
La FIPAV ritiene pertanto conclusi senza assegnazione degli scudetti, delle promozioni e delle retrocessioni tutti i campionati nazionali, regionali e territoriali.”   

La stagione è dunque cancellata, annullata, azzerata. Il CoronaVirus ha vinto questa partita e lo ha fatto scorrettamente, in maniera antisportiva per dirla nel gergo del nostro mondo. A tutti noi non resta che prenderne atto, pensare ad uscire da questo incubo il prima possibile e rimboccarci le maniche per poter avere la rivincita contro un avversario che merita di perdere 3-0 ogni partita del prossimo campionato.

In questi momenti drammatici, è chiaro che la priorità sia altrove piuttosto che fra le mura di un palazzetto dello sport, questo è naturale. Ma per molti di noi lo sport e la pallavolo in particolare sono parte integrante della vita stessa, sia a livello emozionale sia lavorativo, e inevitabilmente questa sospensione del campionato si abbatte sulle nostre vite con violenza e si aggiunge alle già note difficoltà che questa pandemia sta infliggendo. E’ giusto ricordarlo, è giusto dirlo.

Nella nostra realtà, quella del Castelbellino Volley, siamo costretti a dire addio ad una stagione che era nata per entrare nella storia della società perché la prima in una categoria prestigiosa come la serie B1, ma verrà ricordata anche come la stagione fantasma cancellata dal virus. Nessuna promozione in serie A, niente playoff e nessuna retrocessione…tutto da rifare.

Noi però non ci stiamo, caro Virus. Ti sei preso il finale di stagione, è vero, ma non potrai mai toglierci questi 7 mesi nei quali noi tutti abbiamo sudato, lottato, sofferto, gioito…questo almeno lasciacelo. Lasciaci vivo il ricordo delle presentazioni in diretta Facebook delle giocatrici in un palazzetto con 40 gradi, lasciaci il ricordo del primo raduno nel quale sapevamo a malapena i nomi gli uni degli altri.

Lasciaci le speranze iniziali, e poi le paure di non essere all’altezza, e poi le vittorie inaspettate, le arrabbiature per le sconfitte cocenti, il brivido sublime di essere la capolista per 4 settimane. Lasciaci la certezza di aver visto qualcosa di straordinario, come il progressivo formarsi di un gruppo di ragazze sempre più unite e in armonia, così come il costante miglioramento nel gioco di squadra.

Non puoi cancellare, caro maledetto virus, la grande fortuna che abbiamo avuto nel costruire uno staff tecnico incredibile sia umanamente sia tecnicamente, né puoi far sparire i sacrifici che la società e gli sponsor hanno fatto in questi mesi e che tu hai alla fine reso vani.  Non potrai nemmeno portarti via gli sfottò fra le ragazze negli allenamenti o le tante imprecazioni che ancora riecheggiano al Pala Martarelli.

Resterà in noi anche e soprattutto l’immagine della tribuna del Pala Martarelli il sabato sera, la gente sempre più numerosa e i tifosi più appassionati. Tutto questo fa ormai parte di tutti noi e resterà per sempre nel bagaglio di sguardi, abbracci, esperienze ed emozioni sulle quali tu, maledetto virus, sei e sarai sempre impotente.

Dandoci appuntamento alle prossime comunicazioni sul “post-virus”, chiudiamo il sipario su questa stagione del Castelbellino Volley ringraziando col cuore gli sponsor, i tifosi, i dirigenti, lo staff tecnico e tutte le ragazze.

Grazie e…a presto!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *