E si torna a vincere!

aIMG_0093

TermoForgia Moviter Castelbellino 3
- Visus Cervia R.i.v.ra 1

TermoForgia Moviter Castelbellino:   Quintabà 4, Lucconi 19, Rosa 9, Masciarelli 11, Barbetta 17, Morganti 14, Mazzarini (L), Romagnoli n.e., Anacleti, Angeloni n.e., Giampaoletti n.e. Al. Soffici

Visus Cervia R.i.v.ra: Agostini 7, Furi 9, Mendola 11, Papaceni 13, Zucchini 2, Magnali 5, Capriotti 1, Maestri 1, Ravaioli (L), Bucella, Proietti, Massi n.e.

Parziali:  25-15, 26-28, 25-15, 25-17

Vittoria doveva essere e vittoria è stata! La Termo Forgia Moviter Castelbellino piega le resistenze della Visus Cervia e si impone con il risultato di 3-1 dopo una sfida non priva di attimi di suspance. Parte bene la compagine di casa, che allunga dall’inizio e mantiene le distanze grazie a muro e contrattacco che si rivelano micidiali per Cervia. Nel secondo le ospiti battono bene e mettono in difficoltà le marchigiane, che sono costrette ad un gioco scontato che, alla lunga, le fa soccombere. Si riparte in equilibrio ma Cervia sbaglia qualcosa di troppo e Castelbellino riprende fiducia, marciando spedita verso la vittoria del terzo parziale. Il quarto set non brilla certo per l’alto livello tecnico: entrambe le formazioni non giocano una bella pallavolo e la situazione è di parità per una buona metà di tempo, poi Castelbellino spinge al centro e su Lucconi e si fa strada verso la vittoria finale.

3 punti cercati e voluti da parte delle ragazze di Soffici, che schiera in campo Quintabà in palleggio, opposta Lucconi, Rosa e Masciarelli al centro, Barbetta e Morganti in banda, Mazzarini libero. Capitan Anacleti, dunque, in panchina per risentimenti fisici in settimana, che la costringono a guardare da fuori il match, se non per pochi attimi di pallavolo giocata nel quarto set al posto di Barbetta.

3 punti che valgono oro, sia perchè ottenuti contro una diretta concorrente all’obiettivo salvezza, sia alla luce di alcuni inpronosticabili risultati delle altre partite. Dopo troppe partite perse, Rosa e compagne ritrovano il sorriso e la vittoria, che le porta a quota 12 punti in una classifica che ora le vede scavalcare Trevi e Gabicce, subito sotto alla pari punti Rimini in settima posizione.

Ora c’è il derby impossibile, la sfida delle sfide, fra due formazioni dagli obiettivi tanto diversi ma dagli animi infuocati dalla distanza che separa i due palazzetti (solo un chilometro). La differenza tecnica c’è tutta e si sa, ma in un derby così sentito da entrambe le squadre tutto può succedere e le nostre faranno di tutto per vendere cara la pelle.

Appuntamento a sabato prossimo, dunque, ma per ora un applauso alla bella partita delle rossoblu!

di Michele Magliola

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *