E alla fine arrivò la vittoria

wIMG_0866

Erano 3 mesi che aspettavamo questo momento. 3 mesi in cui è successo di tutto, in cui abbiamo dovuto fare i conti con infortuni, partenze, sconfitte a ripetizione, ritorni, cambi di formazione ed ancora sconfitte. L’ultima vittoria risaliva infatti ad inizio dicembre del 2015 ai danni di Cervia. La situazione in classifica esigeva, senza appelli, una vittoria piena per poter ancora giocarci la permanenza nella categoria. Lo sapeva la società, lo sapeva l’allenatrice e, forse più di tutti, lo sapevano le giocatrici. Punto dopo punto, nonostante una partenza tesa e fallosa, le ragazze di Fusco hanno cominciato a credere che la partita fosse alla loro portata, che la vittoria fosse possibile anche per noi dopotutto, non solo per gli altri. Ed è così che la Termoforgia Moviter torna alla vittoria contro la Team 80 Gabicce.

La lotta è stata dura e ad armi pari, contro una compagine dal folto organico e che ci aveva studiato tatticamente alla perfezione. Noi non siamo stati da meno e la battaglia è stata davvero appassionante. Alla fine strappiamo con rabbia la vittoria, e lo facciamo con un 3-0 che non ammette repliche e che risponde nel migliore dei modi alla sconfitta dell’andata quando, ancora ad organico completo, perdevamo per 3-1 in trasferta.

L’esultanza liberatoria di tutta la squadra quando Rosa mette giù l’ultimo pallone è sintomatica di quanta voglia di vincere avessimo e con quale tensione abbiamo affrontato questo match. Partiamo con Quintabà in regia, Anacleti opposto, Barbetta e Morganti schiacciartici, Rosa e Lombardi al centro, Mazzarini libero. Ma siamo anche oggi in emergenza sia per il non ancora completo recupero di Mazzarini dall’infortunio, sia per la febbre alta di una Barbetta che ha provato comunque a dare il suo contributo con caparbietà. Dopo 3 set in cui i ribaltamenti di fronte sono stati continui, così come sistematicamente si sono riproposti grandi recuperi di punteggio, l’incontro termina col punteggio a noi favorevole di 25-23, 25-21, 25-23. Si portano a casa dunque 3 sudatissimi ma meritatissimi punti che fanno classifica e morale. Brave ragazze ma guai ad abbassare la guardia: la rincorsa alla salvezza deve partire da qui!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *