Conosciamoci meglio: Francesca Rosa

aIMG_5407

Centottantotto centimetri di forza e simpatia, una giocatrice spinosa per le avversarie ma insostituibile per le compagne di squadra. Signore e signori, la nostra inimitabile Francesca Rosa! Centrale classe 1991, nata a Pergola, dove ha anche iniziato a giocare. Viste le sue promettenti doti è poi cresciuta pallavolisticamente a Lucrezia prima, dove ha giocato in under 16, e poi Jesi, in under 18. Il salto di categoria lo fa ancora giovanissima in B1 a Falconara per 3 anni, poi in A2 a Reggio Emilia e Casette D’Ete in B1. Dopo un anno di stop per infortunio torna in campo più carica che mai e la ritroviamo, con nostra gioia, qui a Castelbellino in B2.

aIMG_0566Ascolta musica di ogni genere ma non fatele sentire hard rock o heavy metal, sennò si trasforma in Marilyn Manson e si sbrana le casse! Più che ascoltarla, però, la musica le piace…cantarla: si esibisce in varie tipologie di performance live, compresi matrimoni e funerali (!). Occhio se la invitate a cena, sappiate che è una buona forchetta e le piace mangiare di tutto e di più, ma anche qui non parlate di carciofi altrimenti la sua trasformazione sarà questa volta in Anna Moroni della Prova del Cuoco e prenderà a mestolate in testa chiunque le passi a tiro.
Di soprannomi ne avrà una cinquantina dice lei, ma fra tutti quelli che elenca in stile “Santo e santi tutti, pregate per noi”, scegliamo “Franca” e “Rosetta la porchetta”.

Studentessa al terzo anno di Lingue all’Università di Macerata, è in odore di laurea, che conseguirà in questo anno accademico. Forse proprio grazie al santo da cui prende il nome, adora gli animali, ne è stata e ne è tutt’ora circondata: nel suo storico zoo casalingo non è mancato praticamente nulla, ma ora si limita a 3 tartarughe ed un cane.

Grazie alla sua variegata carriera, prima di approdare a Castelbellino già conosceva 9 su 11 delle attuali compagne, e non si risparmia nel trovare parole carine su tutte, comprese le nuove conoscenze.

Di se stessa apprezza l’autoironia e la capacità di trovare sempre il lato positivo in tutte le cose. Non le piace invece la troppa ansia che mette in tutte le cose per paura di non riuscire a farle come vuole lei.

aIMG_0327DICONO DI LEI: Quintabà: “Ci avevo già giocato insieme e le sono molto legata. E’ simpatica. E’ grezza. Dice che vuole partecipare al mio matrimonio, ma mi sa che dovrà aspettare un po’ e comunque non le farò fare la testimone perchè è troppo alta e vicino a me nelle foto mi farebbe sfigurare! In campo è fondamentale perchè non molla mai, e la sua esultanza quanto fa punto è fantastica e unica…si rivolge contro al muro del palazzetto!”

Anacleti: “Rosetta…è alta! E’ la femminilità in persona, la calma, al delicatezza. sa  essere sempre equilibrata e paziente. Ha solo una fissazione: i peli! Ma soprattutto è la regina delle gaffe! Non passa giorno senza che ci racconti un suo aneddoto di una figuraccia che ha appena fatto. Fantastica!”

Testo e foto: Michele Magliola

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *